logo nuovavistainformata
cerca Cerca
La Vista
I difetti visivi
Patologie
Esami diagnostici
Cura e intervento
Chirurgia del cheratocono
Chirurgia del glaucoma
Chirurgia refrattiva
Con laser ad eccimeri
Con lenti addizionali
Con incisioni rilassanti
Con radiofrequenza
Terapia refrattiva con LAC
Omeopatia in oculistica
Lenti a contatto
Domande frequenti
Ufficio stampa
 
La Vista
 
Indagini preliminari
 
La visita medica oculistica: tanti esami per una corretta diagnosi
 
Al contrario di quanto si pensi, l’esame della vista è solo una piccola porzione dell’esame complessivo che il medico oculista esegue quando visita un paziente.
Una visita generale può essere molto articolata e prevedere numerosi esami strumentali necessari per poter effettuare una diagnosi.
esame biomicroscopico
esame biomicroscopico
Esame biomicroscopico
 
tonometro
nvi indagini preliminari
Tonometro a soffio per la rilevazione del tono oculare
 
ocular response analyzer
nvi indagini preliminari
Ocular  Response Analyzer: la nuova e più attendibile metodologia di rilevazione del tono oculare tramite soffio con rilevazione della resistenza corneale.
 
occhiali di prova
nvi indagini preliminari
Occhiali di prova
 
cassetta lenti
nvi indagini preliminari
Cassetta lenti
 
ottotipo
nvi indagini preliminari
Ottotipo per la valutazione del visus
 
L’anamnesi
 

Alcune informazioni sullo stato di salute possono essere molto utili al medico oculista per poter conoscere il paziente.
Alcune patologie o alcune terapie farmacologiche possono interessare o laterare anche lo stato di salute dei vostri occhi.
Non stupitevi quindi se, prima di iniziare la visita, vi verranno fatte domande che potrebbero sembrare “fuori luogo”.

 

Perché si và dall’oculista?

 

I motivi per cui una persona si rivolge allo specialista sono principalmente tre:

  1. fatto acuto spesso associato a dolore
  2.  visus ridotto
  3. controllo di routine

Gli esami preliminari di una moderna visita non possono  prescindere ormai da alcuni esami strumentali eseguiti spesso dagli assistenti del medico.

Tra questi esami ricordiamo:
    • l’autorefrattometria con prova del visus
    • la tonometria non a contatto (ovvero eseguita con tonometro a soffio d’aria)
    • la topografia corneale
    • l’OCT
    • l’esame ortottico per la valutazione della motilità oculare nei bambini, ovvero per la valutazione di eventuali strabismi.

Mentre le indagini preliminari possono essere eseguite da assistenti competenti e debitamente preparati, gli esami successivi sono di sola competenza specialistica.

 
L’esame biomicroscopico
 

L’esperienza e i dati rilevati dalle diverse valutazioni, portano lo specialista ad orientarsi in modo più preciso verso la diagnosi.
L’esame biomicroscopico è una fase importante della visita perché permette al medico di esaminare, attraverso uno strumento chiamato lampada a fessura, lo stato di salute di palpebre, bulbo oculare e cornea.

Segue spesso un controllo accurato di un eventuale difetto visivo con la prova delle lenti per stabilire il visus massimo corretto che dovrebbe essere di 10/10 per lontano.

In base alla correzione visiva per lontano e all’età si può stabilire con  ottima approssimazione la correzione visiva per vicino.

 

Perché l’oculista mette le gocce per dilatare la pupilla?

 

A questo punto la visita termina o più spesso prosegue con l’instillazione  di gocce midriatiche che provocano un allargamento farmacologico della pupilla e un blocco della capacità accomodativa per vicino. Questo determina una riduzione della capacità di visione da vicino e un lieve offuscamento per lontano che dura – a seconda del farmaco utilizzato -  da 2 ore ad alcuni giorni.

A pupilla dilatata si può esaminare la struttura interna del bulbo oculare , cristallino, vitreo e retina.
Se sono riscontrate alterazioni a queste strutture saranno proposti ulteriori esami diagnostici più approfonditi a seconda dell’alterazione riscontrata

Terminato l’esame, può essere utile ricontrollare la visione con la correzione già riscontrata all’inizio per valutare eventuali differenze che denotino uno spasmo accomodativo.

La visita è spesso frazionata in giornate diverse per motivi organizzativi e perché alcune prestazioni non sono contemplate o non sono riportate sull’impegnativa del SSN. Solo durante una visita specialistica oculistica privata, il rapporto diretto medico paziente, permette di scavalcare la logica dell’assistenza sanitaria e possono essere effettuati esami aggiuntivi abbinati alla vista.  

 
  NuovaVistaInformata - info@nuovavistainformata.it - All rights reserved - Privacy Policy - Cookies Policy