logo nuovavistainformata
cerca Cerca
La Vista
I difetti visivi
Patologie
Esami diagnostici
Cura e intervento
Chirurgia del cheratocono
Chirurgia del glaucoma
Chirurgia refrattiva
Con laser ad eccimeri
Con lenti addizionali
Con incisioni rilassanti
Con radiofrequenza
Terapia refrattiva con LAC
Omeopatia in oculistica
Lenti a contatto
Domande frequenti
Ufficio stampa
 
Patologie TN BN NB
 
Ipovisione e Riabilitazione Visiva
 

Numerose malattie oculari provocano un deterioramento della parte centrale retinica, la macula.
Quando quest’area viene compromessa irrimediabilmente, la capacità visiva per lontano diviene indistinta e le possibilità di lettura per vicino risultano ridotte.
Tuttavia, viene risparmiata la parte retinica periferica che consente una visione laterale del campo visivo utile per muoversi con discreta autosufficienza.
E’ questa la condizione visiva dell’ipovedente, cioè di quella persona che ancora conserva una residua capacità visiva indispensabile per una certa autonomia. Tuttavia queste persone sono angosciate per l’assoluta impossibilità di leggre, anche stentatamente.
In effetti, in molti pazienti che hanno subito un grave ed irreversibile deterioramento della capacità visiva, qualcosa può essere fatto, nel senso di una riabilitazione che mira, mediante l’utilizzo di sussidi ottici, no ottici, elettronici e computerizzati, a rieducare alla visione mediante le aree retiniche adiacenti a quelle deteriorate dalla malattia.
Frequentemente si crede che sia dannoso usare a lungo gli occhi, impegnandosi in una lettura molto ravvicinata. Ciò è dovuto probabilmente al fatto che chi ha una vista debole generalmente avvicina lo scritto agli occhi.
In realtà le persone con la vista debole o compromessa, per poter sfruttare al massimo il residuo visivo, “devono” tenere il testo di lettura molto vicino agli occhi e non è vero che questo modo di fare indebolisca la vista! Molte persone ipovedenti imparano pertanto ad usare la loro vista residua proprio leggendo a distanza ravvicinata, impiegando lenti molto forti e muovendo appropriatamente il testo anziché gli occhi e la testa. In questo modo si legge utilizzando le zone retiniche sane. Seguendo un corretto percorso di riabilitazione visiva con gli ausili ottici adeguati, si può riacquistare una velocità di lettura funzionale alla comprensione dei testi e alla gestione autonoma delle proprie attività quotidiane.
E’ importante sottolineare che rimanere inattivi per lungo tempo, per paura che l’impegno visivo possa portare ad un peggioramento, non è assolutamente corretto!
Un eventuale peggioramento dovuto all’evoluzione della malattia non è correlabile con l’impegno visivo richiesto durante il percorso riabilitativo.
La forma più efficace di questi esercizi per pazienti ipovedenti si realizza in stretta collaborazione con l’oftalmologo e tecnici specializzati nella riabilitazione visiva.

 

Chi è l’ipovedente?

Ancora oggi le persone con la vista menomata vengono considerate cieche o vedenti a seconda di chi le osserva oppure di questo essi stessi si attribuiscono.
Sono invece i minorati visivi che devono capire e far capire chi sono e come vogliono essere considerati
E’ importantissimo che essi descrivano ai vicini (famigliari, amici, colleghi, etc…) cosa vedono e cosa vedono, quando vedono e quando non vedono, quali sono le loro esigenze di illuminazione, di mezzi ottici e quale grandezza di testo riescono a leggere.
Prima di stabilire questi elementi in modo corretto è importante accettare se stessi come persone affette da una minorazione visiva. E’ essenziale che una persona ipovedente impari ad usare gli occhi e gli ausili al meglio. Costanza pazienza e buona volontà possono elevare notevolmente il grado di autonomia e di qualità della vita della persona ipovedente.

 
Approfondimento:
link consigliato
 
Approfondimento:
link consigliato
 
Elenco dei centri di Riabilitazione visiva per ipovedenti presenti sul territorio nazionale
 
  NuovaVistaInformata - info@nuovavistainformata.it - All rights reserved - Privacy Policy - Cookies Policy