logo nuovavistainformata
cerca Cerca
La Vista
I difetti visivi
Patologie
Esami diagnostici
Cura e intervento
Chirurgia del cheratocono
Chirurgia del glaucoma
Chirurgia refrattiva
Con laser ad eccimeri
Con lenti addizionali
Con incisioni rilassanti
Con radiofrequenza
Terapia refrattiva con LAC
Omeopatia in oculistica
Lenti a contatto
Domande frequenti
Ufficio stampa
 
Patologie
 
Glaucoma
 

Il suffisso “oma” spesso fa pensare ad una patologia tumorale ma è questa deduzione è erronea. Si tratta di un nome “ereditato” dall’antichità per cui le persone affette da pressione oculare elevata dopo anni presentavano occhi opalescenti e leggermente azzurri. Da qui il nome della patologia “glaucoma”dal termine greco “glaukos”.

Si definisce glaucoma la patologia caratterizzata da un’elevata pressione all’interno dell’occhio. Quando questa è elevata infatti, crea un danno al nervo ottico.
Le conseguenze a livello consistono in una graduale riduzione del campo visivo.

Esistono diversi tipi di glaucoma.
La distinzione principale è tra glaucoma cronico ad angolo aperto e glaucoma ad angolo stretto con rischio di glaucoma acuto.
In tutti i casi  il meccanismo che provoca il danno è sostanzialmente lo stesso: la pressione troppo elevata.
Alcune cure sono comuni a tutti i tipi di glaucomi, ma non tutti i tipi di glaucoma si curano allo stesso modo.

Trattazioni approfondite in merito possono essere consultate su siti specifici. In particolare Nuovavistainformata consiglia di visitare il sito:
http://www.glaucoma-association.com

L’occhio è un bulbo sferico che deve la sua forma all’umore acqueo che lo riempie e che viene continuamente prodotto ed eliminato con un sistema idrodinamico di controllo molto sofisticato.
Quando le alterazioni del sistema di controllo della pressione determinano la persistenza di un ipertono [ovvero di un aumento della pressione] tale da provocare danni al nervo ottico o al campo visivo, si parla di glaucoma.

Approfondimento:
link consigliato
 
Approfondimento:
Sindrome di Posner-Schlossman
   
COSA E’ BENE SAPERE SUL GLAUCOMA:  
   

Se è stata posta una diagnosi di glaucoma con assoluta certezza,
curatevi come prescritto perché il glaucoma è una patologia subdola e quasi nessuno si accorge di esserne affetto se non quando ormai è tardi; i danni da glaucoma sono sostanzialmente irreversibili e dipendono dal numero di anni o mesi che l’occhio rimane con una pressione troppo elevata.
La prevenzione resta la migliore cura!

La pressione di riferimento o  “target pressure” è diversa da persona a persona, ma una pressione poco più alta del proprio target pressure determina un incremento del danno lento, mentre una pressione molto più alta determina un incremento del danno molto più veloce.

Esempio. Uno stesso paziente con una pressione a 23.0 mmHg o a 30.0mmHg potrebbe perdere metà del suo campo visivo in 15 anni nel primo caso (= pressione poco più alta del proprio target pressare) e in 2 anni nel secondo caso ( = pressione molto più alta del proprio target pressare).
Si evince quindi che più riusciamo a mantenere basso il valore della pressione oculare, minore e più lento sarà il danno funzionale.

E’ importante  tenere conto che il danno del nervo ottico e più precisamente delle fibre nervose del nervo precede solitamente il danno al campo visivo.

I sistemi di misura della pressione oculare che sono in continua evoluzione hanno evidenziato numerosi artefatti ed una affidabilità  parziale, la pressione oculare, considerata fino ad oggi normale  se compresa tra 10 e 20 mmHg,  potrebbe non essere tale se i sistemi di misura potessero essere corretti per le numerose variabili scoperte fino ad oggi. Pertanto un ipertono da solo non pone diagnosi di glaucoma.

La pressione oculare viene misurata per applanazione della parete oculare.
Lo spessore e la rigidità della parete hanno variabili enormi tra gli individui  anche della stessa razza. Per questo motivo si richiede spesso la misura dello spessore corneale (=ovvero esame della pachimetria corneale)  quando la pressione oculare risulta dubbia.
Altri sistemi che valutano la rigidità della cornea durante la misura della pressione sono stati realizzati (O.R.A.) (Pascal).
 
Per porre diagnosi di glaucoma occorre che più elementi concorrano a porre la diagnosi.

Il glaucoma non sembra essere una patologia puramente “idraulica” dovuta solo alla pressione.
Sicuramente entrano tutto ciò che altera il microcircolo come, ad esempio il fumo, concorre a far peggiorare il decorso della malattia.

Esami diagnostici:
campo visivo
OCT esame del nervo ottico
Tonometria
Ocular response analizer

Cure:
Colliri
PNT
Laser
Chirurgia

 
   
   
 
  NuovaVistaInformata - info@nuovavistainformata.it - All rights reserved - Privacy Policy - Cookies Policy