logo nuovavistainformata
cerca Cerca
La Vista
I difetti visivi
Patologie
Esami diagnostici
Cura e intervento
Chirurgia del cheratocono
Chirurgia del glaucoma
Chirurgia refrattiva
Con laser ad eccimeri
Con lenti addizionali
Con incisioni rilassanti
Con radiofrequenza
Terapia refrattiva con LAC
Omeopatia in oculistica
Lenti a contatto
Domande frequenti
Ufficio stampa
 
Esami diagnostici
 

Topometria PENTACAM
Novità nella diagnostica del segmento anteriore

 
Cos’è
 
 
Pentacam
 

E’ un esame diagnostico che fornisce immagini e informazioni del segmento anteriore dell’occhio.
La topometria pentacam è oggi un esame innovativo in quanto permette di ottenere immagini ingrandite e ben definite delle superfici curve che costituiscono il segmento anteriore dell’occhio. Tale risultato è dato dall’impiego di una particolare telecamera (Scheimpflug camera)  che compiendo una rotazione effettua fotografie su 360° e  poi le eleabora ricavandone immagini e dati su tre dimensioni. Utilizza una sorgente luminosa, di colore blu, innocua per l’occhio.

 

A cosa serve?

Permette di calcolare e mostrare:
- La topografia corneale anteriore e posteriore
- La pachimetria corneale
- La profondità ed il volume della camera anteriore
- L’ampiezza dell’angolo camerulare
- Immagini in 3D di cornea, iride e cristallino
- Densiotmetria del cristallino

 

Ecco alcune importanti ed utili applicazioni della topometria pentacam:

  • Mappe topometriche  che consentono la misurazione e la ricostruzione tridimensionale  della struttura corneale con precisione elevata.
  • Mappa topografica della superficie anteriore e posteriore della cornea e mappa continua
       degli spessori corneali fino al limbus.
  • Monitoraggio dei trattamenti fotoablativi per chirurgia rifrattiva
  • Esatta localizzazione dell’apice del cheratocono e relativa classificazione
 

Come si esegue?

E’ un esame di diagnostica per immagini e non è invasivo.
Il paziente, seduto, deve appoggiare il mento e la fronte nell’alloggiamento dedicato dello strumento.
Viene analizzato un occhio alla volta.
Il paziente dovrà semplicemente tenere gli occhi aperti e lo sguardo fermo. In pochi istanti l’operatore avrà terminato l’acquisizione delle immagini.

 

 


 


 


 
  NuovaVistaInformata - info@nuovavistainformata.it - All rights reserved - Privacy Policy - Cookies Policy